Fatti sentire
rispettando l'ambiente



Firenze suona (prima parte)

in band reviews, 07/06/2011

Firenze e gli anni '80. Un periodo in cui la città toscana era capitale del rock italiano. Band come Litfiba, Diaframma, Neon e Moda (rigorosamente senza accento) cavalcavano un'ondata di rock e new wave, lanciando semi che ancora oggi germogliano.

La musica di ieri è ben presente nella testa e nelle corde di chi suona oggi, ma senza opprimerne la creatività. Ci sono la musica d'autore e l'elettronica, le sperimentazioni e le sonorità soffuse. Al di là del genere, tutte le band hanno chiara la necessità di costruire un'atmosfera personale e la loro musica è tutta tesa a questo obiettivo.

Per questo, sarà stimolante ascoltare i gruppi che parteciperanno all'ultima tappa del tour universitario di Edison Change The Music, che si terrà venerdì 10 giugno all'Università di Firenze. Per capire che tipo di suoni sentiremo nel corso delle prove live, iniziamo oggi una ricognizione nel mondo della musica fiorentina. Nessuna pretesa di realizzare un censimento completo, solo una piccola indagine, per annusare l'aria che si respira nelle sale prove e nei club della città.

Una scarica sonora disturbante e nervosa. È questo che esce dalle casse dopo aver dato il play agli Atomick Clocks, un gruppo che fa della sperimentazione e dell'imprevedibilità le proprie caratteristiche fondanti.

È invece il rock italiano anni '90 la stella polare della musica degli Arraya, che non si fanno problemi a spaziare dalle atmosfere acustiche a quelle più tirate, come dall'italiano all'inglese, per una gamma espressiva varia ma sempre a fuoco.

Gli Andygarage suonano un rock dai toni classici, che si muove tra la melodia pop e un approccio più hard rock. Tanta energia e potenza, scaricate finora in un ep autoprodotto.
Un sound internazionale e il fantasma di Thom Yorke si aggirano tra le tracce dei Bad Apple Sons. Un rock etereo e venato di new wave, per creare atmosfere sospese e colme di fascino.
Ascoltare i pezzi dei Bamboozled è come immergersi in una placenta sonora che culla e accoglie, ma sa anche risvegliare quando serve. Un'impronta british e atmosfere senza tempo eppure sempre attuali.

Sano punk di ispirazione californiana per i 30 Miles: batteria che tiene alto il ritmo e chitarre veloci sono il muro che sostiene un cantato incisivo che sa prendersi il suo spazio.
La tradizione della new wave fiorentina è portata avanti dagli AltroquandO, gruppo che da tre anni propone una musica oscura ed evocativa, caratterizzata da incisivi testi in italiano.
Coordinate simili, ma anche tracce di Battiato, suggestioni elettroniche e atmosfere sempre tese ed evocative. Tutto questo convive e trova un equilibrio nei pezzi dei Dani's Effect, che hanno realizzato da poco il loro album autoprodotto "Dentro una fitta nebbia".

Se sulla copertina del proprio demo si mette John Lennon, le coordinate sono chiare. I Bluepop Sicle sono chiaramente inglesi per impostazione e tiro. Non tanto i Beatles, quanto l'ondata brit pop dei primi anni duemila, per un suono sempre fresco e invitante.

Chitarre d'assalto e batteria che picchia con regolarità: i Black Mamba prendono il suono degli Stones, lo rimasticano e lo impastano con la propria voglia creativa e un approccio punk. Il risultato è musica che suona subito familiare, ma sa spiazzare quando meno ce lo si aspetta.
Electro punk aggressivo e accattivante, quello dei DPG, che a fine 2010 ha pubblicato un interessante lavoro dal titolo "In the beginnign there was punk". In copertina una giovane regina Elisabetta, nelle orecchie un assalto energetico e ritmato che non lascia indifferenti.

Meno tesi e più suadenti i suoni di Elettrofanti, che puntano con grande efficacia a un pop elettronico che punta molto su basi e ritmo per raggiungere testa e gambe di chi ascolta.
Quella di Cecco & Cipo è musica d'autore che guarda al pop. Chitarra acustica leggera e atmosfere rilassate e gioiose, sempre in bilico tra gioco e voglia di raccontare tante piccole cose quotidiane.

 

3 Commenti

peccato che non ci siano i gruppi di punta dell' underground fiorentino (esclusi i Bad Apple Sons)
CI SONO SOLO COLORO CHE HANNO FATTO DISCHI O EP
Grazie per averci citato...e per le parole, in cui ci riconosciamo in toto...!

Lascia il tuo commento

Type the characters you see in this picture. (verify using audio)
Type the characters you see in the picture above; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
 

Segui Edison - Change the music




edisonchannel

Loading...

 

Edison Spa - Partita IVA 08263330014